La postura del piede

Scritto da: Orthos Srl In: Root il: venerdì, novembre 17, 2017 Commenti: 0 Visite: 415

Nesso tra postura plantare, insorgenza di mal di schiena e patologie connesse all’appoggio.

La postura plantare è tra le più problematiche posture studiate in ambito chinesiologico.
In molti casi un’errata postura del piede scatena altre patologie conseguenti, come ginocchia vareginocchia valghetendinopatie e patologie infiammatorie della schiena.

PIEDE E COLONNA VERTEBRALE

Il nostro corpo antropologicamente in stazione eretta dall’Homo Erectus, ha avuto migliaia di anni di evoluzione anatomo-morfologica: da quando siamo bipedi sono sorti per la prima volta nella storia umana patologie come mal di schienalombosciatalgiaernia discaleginocchia vare/valghepiede piatto.
Questo perché il nostro corpo per adattarsi ad appoggiare su due arti invece che quattro, trova dei punti critici in cui si creano scompensi posturali e conseguente dolore.
Uno degli apparati che fa più fatica e che ancora oggi è tra i più interessati da patologie posturali è il piede.
Il piede ha il compito importantissimo di guidare la deambulazione e dare appoggiostabilità ed equilibrio a tutto il corpo.
E’ direttamente collegato alla colonna vertebrale tramite articolazione della caviglia, articolazione del ginocchio, cinto pelvico e sacro. Quindi qualsiasi difetto morfologico congenito o postura errata del piede, viene proiettata sul rachide (colonna vertebrale) favorendo l'insorgenza di patologie dolorose.
Oltre che un’origine congenita, anche vizi posturali acquisiti e atteggiamenti posturali errati possono scatenare patologie dolorose, soprattutto nel piede.

Evoluzione dell'uomo

LA FASCITE PLANTARE
Una delle patologie legate alla postura più frequenti è la fascite plantare.
Si tratta di una infiammazione a carattere doloroso della fascia plantare. Questo distretto comprende tutti i fasci muscolari e legamenti tra Calcagno e Ossa anteriori del piede.
La Fascite Plantare può avere molteplici cause a seconda dell’attività della persona. In tutte le casistiche di infiammazione plantare c’è una costante: una eccessiva tensione della muscolatura posteriore della gamba, spesso associata ad un accorciamento di tutta la postura, anche della colonna vertebrale.
Il tendine d’Achille gioca un ruolo fondamentale in questa patologia, infatti è proprio il tendine d’Achille a gestire le trazioni posteriori del piede e ad un’eccessiva trazione costante da parte del tendine consegue una risposta fisiologica infiammatoria del distretto interessato. In questi casi c’è sempre alla base uno squilibrio posturale. Se la bio-meccanica dell’articolazione del piede non lavora correttamente ci sarà una risposta infiammatoria.
Nella maggior parte dei casi lo squilibrio si crea a livello del complesso Polpaccio - Tendine d’Achille - Fascia Plantare.

APPROCCIO TERAPEUTICO
Ci sono molte teorie più o meno confermate dalla statistica su come disinfiammare la fascite plantare. Negli ultimi anni un ampio studio è stato intrapreso dalla chinesiologia, materia che studia postura e bio-meccanica del corpo umano con risultati esaltanti da parte della comunità scientifica. 
Un approccio terapeutico strumentale (ultrasuonionde d’urtotecar, ecc) è indicato in fase acuta e impossibilità funzionale, ma trova poco successo nella riabilitazione e rieducazione della postura per evitare ricadute.
Qui entra in gioco la chinesiologia, che tramite esercizio correttivo, tecniche posturali, impiego di taping neuromuscolare effettua un complesso di correzioni anatomo-fisiologiche che permetteranno di scongiurare una ricaduta.
Oltre alla rieducazione posturale è necessaria una terapia che agisca costantemente sull'appoggio plantare. Questa terapia è rappresentata dai plantari personalizzati, che realizzati da un tecnico ortopedico, su prescrizione medica specialistica, in seguito ad esami specifici come la Baropodometria, esame dell’appoggio plantare, pressioni e scompensi, crea un plantare lavorato e personalizzato al piede del paziente.
L’azione terapeutica del plantare ortopedico è quella di agire costantemente in bio-meccnica con delle particolari pressioni sul piede, esattamente sui fasci muscolari infiammati che favoriscano la decontrattura, quindi la disinfiammazione.

Esame del piede Orthos srl

Commenti

Lascia un commento

Newsletters

Iscriviti per ricevere novità, promozioni, buoni da parte nostra.

Ho letto e accetto il trattamento dei miei dati personali.

Scroll To Top